SiteLock

Archivi categoria : In evidenza

Marco Gastini, Torino, 30/01/1938 – Torino, 28/09/2018

Stava preparando una mostra alla Galleria Giorgio Persano di Torino, prevista per la primavera. La sua installazione in Galleria Umberto I resterà accesa fino al 2 ottobre, questo l’omaggio del Comune.


Marco Gastini nasce il 30/01/1938 a Torino.
Ancora prima di frequentare le scuole d’arte, la sua formazione avviene nel laboratorio del padre, di mestiere marmista, dove, attraverso una pratica quotidiana, conquista familiarità e dimestichezza con i materiali e le tecniche di lavorazione. Diplomatosi presso il Liceo Artistico, prosegue i suoi studi alla Scuola di Pittura dell’Accademia Albertina di Torino. Muovendo i primi passi nella temperie tardo informale, dipinge quadri di gusto astratto e qualità cromatica densa, per approdare progressivamente a una pittura sempre meno materica, che ha per soggetti nudi femminili o paesaggi. I risultati vengono esposti nel ’67-’68 a Parma, Roma, Novara, presentati da Paolo Fossati e Enrico Crispolti. Alla fine degli anni Sessanta, immerso nel fervido clima del capoluogo piemontese e attivamente coinvolto dalle istanze di rinnovamento artistico e sociale che lo animano, sviluppa un’originale ricerca sulla pittura, indagata negli elementi che ne determinano il grado espressivo essenziale: il segno, la presenza spaziale, l’azzeramento cromatico. In questo periodo si susseguono tentativi e sperimentazioni, espressione di una crescita artistica quasi frenetica. Dalle tele dipinte a spray (Paesaggio), esposte alla personale del 1968 alla Galleria Il Punto di Torino, si passa rapidamente agli smalti e ai floccaggi su plexiglas, legno o vedril (Linea d’aria), che l’anno seguente trasformano le stanze del Salone Annunciata di Milano in un ambiente fluido, dove la pittura attraversa lo spazio nel gioco di trasparenze dei supporti. La sottile “pelle” della pittura si addensa mano a mano in macchie di colore ad alta percentuale di metallo, che rivestono vetri, neon o cassette di plexiglas, finché nel 1970 al Salone Annunciata vengono esposte per la prima volta le macchie di piombo e antimonio, concepite nel '69: sulla parete, supporto di cui si suggerisce una potenziale infinitezza, la pittura si è concretizzata come fatto fisico (62 macchie). Questa ricerca, per quanto coeva e tangente alle esperienze radicali di arte minimale e concettuale, rimane, tuttavia, sempre incentrata sul mezzo pittorico – per necessità, come Gastini stesso dichiara, perché dipingere è per lui canale di espressione naturale – e per tale ragione l’artista viene annoverato fra i pionieri della cosiddetta “pittura analitica” fin dai primi anni Settanta. Nascono allora lavori su parete, rigorose quadrettature e tracciati elementari in polvere di cemento, carboncino o conté (18 x 18 / 3 rossi + 1), preceduti idealmente da lastre progettuali in durcot su plexiglas (Progetto per parete); l’artista non abbandona comunque la tela, e su di essa interviene con esili segni che constatano lo spazio, lo misurano attraverso geometrie di chiara e semplice lettura (Acrilico n. 5, 10/1, AYZ). Cruciale è sempre il rapporto di ambiguità che lega il supporto e la pittura (in senso lato), come ben si evince dal gruppo dei plexiglas graffiati, dove, sul supporto invisibile, il tracciato del gesto assume visibilità, riflette la sua ombra, e la trasparenza è rivelata. Primo segnale di distacco dal minimalismo cromatico è l’utilizzo del pigmento “pearl white”, madreperla, dal 1977 applicato con l’aiuto del medium sulle tele, sulle carte o direttamente sul muro: esso rappresenta l’uscita dal “non colore”, racchiude in sé “tutti i colori”, conferisce alla superficie una vibrazione e determina uno scarto percettivo nello sguardo dell’osservatore. Il ’77 è per Gastini l’anno della prima personale alla John Weber Gallery di New York (che segue quella presso la Cirrus Gallery di Los Angeles), dove la monumentale opera New York Project / 44 Units scandisce sulla lunghezza di una parete una composizione di tele di diverse dimensioni; l’accompagna un libro, New York Project / Ten Possibilities, sulle cui pagine l’artista sviluppa l’idea nata con l’opera, disegnando dieci combinazioni fra le tele: un ricorso al libro d’artista come mezzo di riflessione e approfondimento delle ricerche. L’approdo a New York nella galleria di John Weber si inserisce in un percorso che ha condotto Gastini ad esporre presso importanti gallerie straniere negli anni Settanta: si segnalano le collaborazioni con le gallerie Argès e Baronian di Bruxelles, Annemarie Verna di Zurigo, D + C Mueller Roth di Stoccarda, Walter Storms di Monaco di Baviera. Egli prende inoltre parte a diverse collettive che ritraggono la situazione dell’arte italiana. In Italia espone le sue opere nelle principali città: ricordiamo le mostre allo Studio Grossetti di Milano, alle gallerie Primo Piano e Sperone di Roma, a Il Banco di Brescia, alla Christian Stein di Torino. Del 1976 è la prima monografia di Paolo Fossati, edita proprio da Christian Stein, cui seguirà quella del 1988 per le Edizioni Essegi di Ravenna. Ancora, nel ’76, Gastini ottiene una sala personale alla Biennale di Venezia. Filiberto Menna recensisce la personale alla Galleria E Tre di Roma (1977) e Pier Giovanni Castagnoli quella allo Studio G7 di Bologna (1979). Alla fine del decennio, come le macchie avevano lasciato presagire, la pittura è ormai sconfinata dalla superficie della tela, della carta o degli altri supporti, e ha conquistato la parete, intesa come campo illimitato della sua azione (Paesaggio II). Con 11/24, nel 1979 Gastini imprime una svolta al suo lavoro, inserendo nell'opera un tronco d'albero penetrato dalle fusioni di piombo e antimonio. L’elemento naturale, vivo e vivificante, irradia un’energia, abilmente rappresentata dalle fusioni, che si trasmette alla tela e crea così un campo di tensione; questo carattere ambientale, attivato dal materiale, ingenera un coinvolgimento emotivo, sensoriale, che si discosta dalla più piana e minimale analisi della relazione tra supporto e superficie pittorica. In L’ala della pittura la dialettica si instaura tra la pittura raggrumata “al centro”, su quella porzione di spazio che è la tela, e i segni (macchie, linee) che vanno diradandosi, galleggiando, tutto attorno: anche in questo caso si stabilisce un campo energetico e l’osservatore, catturato al suo interno, è indotto a spostare senza posa il suo sguardo tra la tela e lo spazio pittorico circostante, nel tentativo di afferrarne la dilatazione. Da questo momento, subentrano nel lessico di Gastini i materiali più disparati: la pergamena, plasticamente sospesa a generare una sottile tensione (Come di un respiro che preme nei polmoni, 1980); vetro e metalli quali ferro, rame e stagno (Sempre a…, ... e tutto è sempre ora, Increspa e scivola); elementi organici come il carbone e vegetali simili a carrube che ricordano, nella sagoma, le virgole a carboncino (Dittico A,B). Vi sono poi materiali usati, consumati, come il legno delle ciarlate, le travi che sostengono i tetti delle case di montagna: indicatori di tensione, colpiscono l'artista per la loro storia, per l’essere segni modellati naturalmente dal tempo e dall’azione dell’uomo (La luce si spoglia della sua veste). Di legno sono inoltre le cassette, le traversine dei binari, oppure le tavole tridimensionalmente assemblate a comporre un paravento o, in alternativa, un retablo (Il grande libro di Colmar, trasposto anche in forma di libro d’artista, le cui pieghe delle pagine rispecchiano quelle dei giunti che tengono insieme le assi); alle volte entrano nel dipinto una mensola (Scuri cacciati), un’intera finestra (Nella finestra… l’entrare, forse), una porta. Simili pannelli mobili suggeriscono la moltiplicazione dei livelli di lettura e delle superfici della pittura, soggette a essere osservate sotto una luce sempre nuova. Nel 1989, alla Galleria Martano, con la quale Gastini collabora stabilmente, la mostra L’è tut li ant êl cel racconta le “storie” di Mombresto, luogo d’affezione dell’artista che, spinto dal legame con le sue montagne, inizia a utilizzare la pietra, in particolare le lose che costituiscono i tetti delle baite (I segni delle lose si esaltano nel vento). Spesso, nelle opere, i materiali che abbiamo enumerato si offrono tutti in una volta, pur senza togliere coesione all’insieme: ci troviamo dinnanzi a una sovrabbondanza variegata e barocca di frammenti che, con onnivora curiosità, vengono inseriti per accumulazione nel discorso pittorico, scelti non in funzione delle loro valenze simboliche, ma in virtù della suggestione che il loro vissuto è in grado di dare e, nondimeno, delle loro caratteristiche formali. La scelta dipende insomma da una sorta di affinità elettiva, emotiva, con gli oggetti, al fine di dar loro continuità nella pittura. Nonostante l’insistenza sulla concretezza dei materiali, infatti, in Gastini il lavoro artistico scaturisce dall’idea, dal progetto, spesso nato da una sensazione, un’emozione, un’esperienza della vita. Viceversa, è anche vero che dall'opera scaturisce un’emozione. Di più: la pittura è, per Gastini, l’emozione stessa, fermata in equilibrio instabile. Altro fattore importantissimo, dall'inizio degli anni Ottanta, è il reintegro del colore: l’impasto pittorico aumenta di complessità ritrovando un acceso cromatismo e, nella rinnovata matericità della “tecnica mista”, è arduo riconoscere pigmenti e leganti (Le tensioni esistono, vengono generate e si rigenerano in pittura I e II). Colore è per l’artista sinonimo di immersione, è ciò che rende possibile lo smarrimento dell’osservatore nell’ambiente, è la pittura che si apre allo spettatore, all’incontro. Per quanto concerne i titoli delle opere, dai numeri seriali e dai codici essenziali degli anni Settanta si passa a frasi talvolta lunghe ed evocative, spiegazioni di ciò che la pittura fa, coronate dai tre puntini che, col linguaggio e col pensiero, rinviano a una sospensione spaziale e connotano il tutto di lirismo. Il vocabolario adottato, se da un lato riconduce a un’idea di levità, dall’altro è molto fisico: toccare, pungere, stare addosso, e così via, sono alcune delle sensazioni suggerite. Nel corso degli anni Ottanta, la fama artistica di Gastini si consolida. Al 1982 risalgono la seconda partecipazione alla Biennale di Venezia e la monografia di Tommaso Trini. Lo stesso anno, la Städtische Galerie im Lenbachhaus di Monaco di Baviera ospita la sua prima grande retrospettiva, a cura di Helmut Friedel; seguono la personale alla Galleria Civica di Modena (1983), corredata da un catalogo con un testo critico di Flaminio Gualdoni, e al PAC di Milano (1984). In questo periodo incontriamo inoltre nella sua produzione le grandi dimensioni: nel 1987, a Castel Burio, La nave vichinga solca i filari, installazione site-specific all’aperto e in stretto dialogo con l’ambiente, veleggia come in un sogno, mentre il suo profilo richiama quello dei merli alle sue spalle; l’anno successivo, a San Gimignano, in Piazza Pecori un grande lavoro si ispira al gioco dei bambini per le strade (Il sogno respira nell’aìre). Troveremo lavori in scala monumentale anche nel decennio seguente. In continuità con quanto detto finora, le opere degli anni Novanta si distinguono per l’evidente impiego del ferro, sotto forma di tondini e altri elementi di scarto industriale recuperati nei cantieri, che recano in sé un’eco del lavoro dell’uomo, della forza cui sono stati sottoposti: proprio in questo risiede la loro energia intrinseca. I ferri si rincorrono, talvolta danno vita a sculture che fronteggiano la tela (Among the echoes), tracciano un percorso, una scrittura che attraversa e unifica gli elementi sparpagliati della composizione, dettando un ritmo (Velato e ri-velato). Questo sistema di rimbalzi e di eco visiva richiama in causa la dialettica tra spazio della tela e spazio della pittura: le tele, scomposte sulla parete, sono ricomposte secondo un nuovo ordine e bilanciate attraverso l’azione dei ferri (Senza titolo, 1998). Di eco musicale si può parlare a pieno titolo per le stanze dell’Orangerie im Schlosspark Belvedere di Weimar, sede, nel 1998, di una bellissima retrospettiva: l’allestimento ha il carattere di una grande e complessa installazione che si snoda negli ambienti della citroniera come una partitura (tra le opere esposte, Partitura per otto tempi). Nella metafora musicale si delineano le relazioni tra elementi e materiali tanto eterogenei che conquistano ciascuno il proprio posto e raggiungono l’armonia tra salti e sincopi. Oltre alla mostra di Weimar, ricordiamo le retrospettive alla Galleria Civica d’Arte Moderna di Bologna, con in catalogo uno scritto di Castagnoli e un dialogo con l'artista di Mario Bertoni (1992), alla Galleria Civica d’Arte Contemporanea di Trento, a cura di Danilo Eccher, e nei Kunstverein di Francoforte e San Gallo, a cura di Peter Weiermair, Petra Kirchberg, Roland Wäspe (1993); a Siena,Scommessa è il titolo della mostra del 1997, accompagnata da installazioni perfettamente integrate nell’area urbana (Panatenaiche). Con La mano aperta della pittura, dove i ferri si attorcigliano attorno alle tele e afferrano i gessi e le pietre descrivendo ampie volute, si inaugurano il decennio successivo e la retrospettiva curata da Pier Giovanni Castagnoli e Helmut Friedel per la GAM di Torino (negli spazi della Promotrice di Belle Arti) e la Städtische Galerie im Lenbachhaus di Monaco (2001). Nel 2005, un'altra retrospettiva è presentata al CAMeC di La Spezia e alla Kunsthalle di Göppingen da Bruno Corà e Werner Meyer. Gastini tiene inoltre con cadenza regolare mostre personali presso importanti gallerie italiane: alla Galleria dell’Oca di Roma (2005), alla Otto Gallery di Bologna (2006), alla Galleria 2000 & Novecento di Reggio Emilia (2007), alla Galleria Giorgio Persano di Torino (2008), alla Galleria dello Scudo di Verona (2008-09). Non manca nemmeno di cimentarsi nelle installazioni, come nella chiesa di San Giacomo a Treville (2005) e nel bosco di Bossolasco (2008); a Torino, per Luci d’Artista, dal 2009 un tappeto di segni blu realizzati col neon modellato si staglia contro il soffitto della Galleria Subalpina. Dal 2005, l’artista torna a ragionare soprattutto sullo spazio della singola, grande tela. Così, un cospicuo gruppo di lavori reca un fregio di classica memoria assai composito nella parte alta (fa la sua comparsa anche un materiale caldo e sensibile come la terracotta), mentre nella parte bassa si stende un leggero velo pittorico sui toni del bianco, costellato di tratti finissimi, reminescenza dei lavori degli anni Settanta (Stoicheion, Arché, e poi I tempi delle attese). Le tele, come già in passato, contrappuntano pieni e vuoti, estremamente leggero contro estremamente pesante, e sembrano, obbedendo a una forza inspiegabile, sostenersi da sé nel vuoto, sorrette da un’atmosfera che Fossati, per altre opere, definì “fantastica” e che ammanta anche l’osservatore. Fra i colori, è ormai preminente il blu, un pigmento blu oltremare distribuito con la spugna, volatile e dal timbro seducente, accostato al nero: insieme, si staccano dall’impasto di bianchi spalmato con le mani e si protendono idealmente verso gli elementi tridimensionali, pure presenti. Frequente diventa infatti l’impiego dell’alluminio, fuso in calchi, e anche dell’ardesia e del vetro, materiali che nei lavori più recenti sono conficcati di taglio nella tela, al contempo aggettanti e penetranti. La pittura è ovunque nello spazio, ma si fissa nella percezione di un istante sul quadro, immobilizzata da lame di pietra che paiono appena scagliate; si addensa in zone di colore e ombre di materia, e la sospensione aerea di quegli attimi trattenuti è nei titoli inventati dall’artista, sino agli ultimi lavori: Nel volo… sospeso I e II (2010). Specchia (LE), Castello Risolo, Marco Gastini Miraggi e riflessi, 20111; Milano, Accademia delee Belle Arti, Nel volo... sospeso, 2012;  Milano, Progetto Arte - ELM, Marco Gastini - Monadi e Numeri, 2012; Bologna, MAMBO, Marco Gastini - Contrappunti. Con una finestra sullo studio, 2012; Bologna, Otto Gallery, Marco Gastini - ...Settanta, 2012; Milano, Museo Pecci,Marco Gastini Polifonie; Firenze, Galleria il Ponte, Marco Gastini - Opere 1969-1978, un decennio, 2016; Torino, Galleria Roccatre, Sandro De Alexandris / Marco Gastini / Piero Ruggeri - Gioco di carte; Caserta, Nicola Pedana Arte Contemporanea, Marco Gastini - Duetti; Milano, Grosetti Arte Contemporanea, Marco Gastini e Giuseppe Spagnulo, Una selezione di opere realizzate a partire dagli anni '60, 2016. Numerose le personali, in Italia e all’estero, ha lavorato fino all’ultimo nella sua casa sulla collina torinese. 

Biografia

1960
L. Carluccio, Artisti sotto i trent’anni, in “Gazzetta del Popolo”, Torino, 2 giugno
1962
Giovani pittori in Piemonte, a cura di L. Carluccio, Edizioni di Comunità, Milano
1963
M. Bernardi, Mutamenti nei giovani pittori, in “La Stampa”, Torino, 28 maggio
F. Scroppo, in “L’Unità”, Roma, 28 maggio
L. Carluccio, Cinque giovani torinesi, in “Gazzetta del Popolo”, Torino, 2 giugno
1965
P. Fossati, Pittura con Pavese, in “La Voce”, Cuneo, 11 novembre
1966
E. Crispolti, in “Palatino”, Roma, 3 aprile
1967
G. Di Genova, in “Vie Nuove”, Roma, 23 novembre
R. Bolzanini, XV Premio Lissone, in “Bollettino Mensile della Galleria Pozzi, Arte Contemporanea”, n. 1, Novara, novembre
D. Morosini, Marco Gastini. Pop art e costume, in “Paese Sera”, Roma, 23 dicembre
M. Venturoli, in “La Luna”, Roma
1968
P. Fossati, Soffiantino, Gastini, Piacentino, in “L’Unità”, Torino, 15 maggio
A. Dragone, in “Stampa Sera”, Torino, maggio
1969
S.G. [Giannattasio], Gastini, in “Carte Segrete”, n. 9, Roma, gennaio-marzo
S.G. [Giannattasio], Marco Gastini, in “Avanti!”, Roma, 7 febbraio
F. Passoni, in “Avanti!”, Roma, 27 febbraio
M. Bandini, Marco Gastini, in “Nac”, n. 11, Milano, 15 marzo
E. Crispolti, in “Opus International”, Parigi, novembre
E. Crispolti, Ricerche dopo l’informale, Edizioni Officina, Roma
1970
E. Crispolti, Petit dossier de la figuration nouvelle en Italie, in “Opus International”, n. 16, Parigi, marzo
P. Fossati, Marco Gastini, in “Gala”, n. 43, Milano, settembre
[Marco Gastini], in “L’Espresso”, Roma, 27 dicembre
E. Crispolti, Artisti segnalati Bolaffi, Bolaffi, Torino
1971
E. Crispolti, Marco Gastini, in “Nac”, n. 1 (nuova serie), Milano, gennaio
M.B. [Bandini], Marco Gastini, in “Nac”, n. 3 (nuova serie), Milano, marzo
T. Trini, Mostre a Milano e Torino, in “Domus”, n. 497, Milano, aprile
M. Bandini, Mostre a Torino, in “Gala”, n. 47, Milano, maggio
E. Crispolti, Actualités: Rome, in “Opus International”, n. 26, Parigi, giugno
T. Trini, in “Domus”, Milano, novembre
1972
T. del Rienzo, Italian Commentary: Art and Its Market, in “Studio International”, New York-Londra, aprile 
M. Perazzi, in “Corriere d’Informazione”, Milano, 19 ottobre
R. Sanesi, in “Il Dramma”, Milano, novembredicembre
P. Fossati, Gastini o della percezione, in “Arte Milano”, n. 3, Milano, dicembre
1973
H. Martin, Milan in Autumn, in “Art International”, n. XVII /1, Lugano, gennaio
C.T. [Terenzi], Gastini alla “Primo Piano”, in “Paese Sera”, Roma, 22 febbraio
M. Bandini, Torino 60/73, in “Nac”, Milano, marzo
R. Sanesi, A Milan: le Salon Annunciata, in “Opus International”, n. 42, Parigi, marzo
L. Vergine, in “Art and Artists”, New York, marzo
La questione è quella della pittura... , in “Flash Art”, n. 41, Milano, giugno
M. Bandini, in “Data”, Milano, autunno
P. Fossati, Nuove pitture: Gastini e Griffa, in “Data”, n. 10, Milano, inverno
M. Bandini, Marco Gastini, edizione grafica, Torino
G. Di Genova, Indagine critica 1973, Edizioni La Margherita, Roma
G. Dorfles, Ultime tendenze nell’arte d’oggi, Feltrinelli, Milano
1974
Jan, Punkt-Raster auf Glas und Leinwand, in “Ruhr-Nachrichten”, Bochum, 26 gennaio
G. Uhlhorn, Punkte schweben im Raum, in “Westdeutsche Allgemeine Zeitung”, Bochum, 2 febbraio
E.B., Raum ist flexible Ordnung, in “Dolomiten”, Bolzano, 21 febbraio
G. Conta, Marco Gastini, in “Alto Adige”, Bolzano, 5 marzo
M. Paolucci, Gastini, in “L’Adige”, Bolzano, 15 marzo
Intervista con P. Fossati], in “Heute Kunst -Flash Art International”, n. 7, Milano, luglio-agosto
F. Vincitorio, [intervista], in “L’Espresso”, n. 45, Roma, novembre
P. Fossati, Marco Gastini, in “Corriere della Sera”, Milano, 9 dicembre
M. Bandini, Marco Gastini: lo spazio progettato, in “Gala”, n. 69, Milano, dicembre
V. Fagone, La pratica pittorica, in “Il Cristallo”, n. 1, Bolzano
G.P. Prandstraller, Arte come professione, Marsilio, Venezia-Padova
F. Tonelli, F. Torriani, Arte esatta. Approcci di critica analitica, EFIN, Torino
1975
E. Natali, Pittura come segno di attività, in “L’Avvenire”, Milano, 10 gennaio
M. Picone, R. Riccini, Il ritorno alla pittura, in “Op. Cit.”, n. 33, Napoli, maggio
F. Menna, La linea analitica dell’arte moderna, Einaudi, Torino
F. Menna, La nuova pittura, in L’arte moderna, vol. XIV, Fabbri, Milano
L’arte moderna, vol. XV, Fabbri, Milano, ad vocem
1976 
L. Venturi, Six Italian Painters, intervista in “Studio International”, n. 979, Londra, gennaio-febbraio
Credo che il lavoro di un artista... , in “Flash Art”, n. 66-67, Milano, luglio-agosto
A. Bonito Oliva, Europe-America. The Different Avant-gardes, Deco Press (Franco Maria Ricci) Milano
E. Crispolti, Erotismo nell’arte astratta, e altre schede per un’iconologia dell’arte astratta, Celebes, Trapani
G. Dorfles, Il divenire della critica, Einaudi, Torino
W. Lippert, ABXL, Albert Baronian, Bruxelles
P. Fossati, Marco Gastini, Christian Stein, Milano, La Nova Grafica, Torino, edizione in 2120 copie di cui 120 contenenti una acquatinta-acquaforte eseguita nel 1976 e tirata da Marco Noire Stampatore in Torino, firmata e numerata da 1 a 100 e da I a XX
1977
A. Dragone, Gastini in bianco, in “Stampa Sera”, Torino, 2 febbraio
G. Beringhelli, La contemplazione di Marco Gastíni, in “Il Lavoro”, Genova, 30 marzo
T. Trini, Punto e linea, la storia cambia, in “Data”, n. 26, Milano, aprile-giugno
V. Bramanti, L’emergente emotività di Gastini a Firenze, in “L’Unità”, Roma, 3 giugno
J. Perrone, Marco Gastini, in “Artforum”, New York, settembre
E. Schwartz, Marco Gastini, in “Art News”, New York, settembre
T. Lawson, Marco Gastini at Weber, in “Art in America”, New York, settembre-ottobre
Marco Gastini, in “Galerie Albert Baronian”, Bruxelles, estate
F. Menna, La nuova pittura, in “L’Arte Moderna”, n. 110, Fabbri, Milano
1978
F. Menna, Le analisi della nuova pittura, in “Paese Sera”, Roma, 22 gennaio
G. Grossi, Marco Gastini dalle “macchie” ai segni lineari, in “Roma”, Roma, 23 febbraio
F. De Bortoli, Il senso dello spazio, in “Corriere d’Informazione”, Milano, 27 dicembre
P. Panzeri, Nuova pittura, in Ricerche visuali dopo il 1945, Unicopli-Cuem, Milano
1979
P.G. Castagnoli, Macchie di piombo sulle pareti bianche, in “La Repubblica”, Roma, 7-8 gennaio
P.G. Castagnoli, P. Fossati, Stanze del gioco, in “La Tradizione del Nuovo”, n. 5, Ravenna, marzo
T. Bell, Marco Gastini, in “Arts Magazine”, New York, giugno
R.F. White, Marco Gastini, in “Arts Magazine”, New York, giugno
P.G. Castagnoli, Marco Gastini: ultimi lavori, in “G7 Studio”, n. 9, Bologna, novembre
1980
G. Risso, [intervista], in “Gazzetta del Popolo”, Torino, 13 febbraio
Senza titolo (il senso, il tema…), in “Studio Marconi”, n. 13-14, Milano, febbraio
P. Frey, Zeichen, die ihre Geschichte erzählen, in “Tages-Anzeiger”, Zurigo, 12 settembre
Marco Gastini, in “Taide”, n. 0. Salerno, settembre- dicembre
L. Honold, Von der “Arte povera” zum fünfzackigen Stern, in “Badische Zeitung”, Baden-Baden, 5 dicembre
H. Schneider, Gastini, Spagnulo und Zorio, in “Die Zeit”, Amburgo, 26 dicembre
1981
G. Gliewe, Mystisches Innenleben, in “Abend - zeitung”, Monaco di Baviera, 15 gennaio
A. Dragone, I libri sulle pareti di Gastini, in “La Stampa”, Torino, 26 aprile
P.C. [Chiapatti], Le opere di Gastini alla Galleria Martano, in “L’Unità”, Torino, 8 maggio
F. Gualdoni, Due italiani in Germania esaltano spazio e materia, in “II Giorno”, Milano, 16 giugno
P.G. Castagnoli, Marco Gastini, in “G7 Studio”, n. 3-4, Bologna, giugno
M. Vescovo, Marco Gastini, in “Segno”, n. 23, Pescara, ottobre-novembre
G. Bertoncini, Ma sì, dipingiamo!, in “Il Tirreno”, Livorno, 5 novembre
V. Bramanti, L’albero e lo spazio di Gastini, in “L’Unità”, Roma, 17 novembre
P. Alessandra, Marco Gastini a Villa Romana, in “La Città”, Firenze, 19 novembre
P. Weiermair, Künstlerbücher, in “hfg forum”, n. 6, Francoforte, dicembre
M. Vescovo, Marco Gastini, in “Flash Art”, n. 106, Milano, dicembre-gennaio 1982
T. Trini, Marco Gastini, come di un respiro che preme nei polmoni. L’organismo pittura, Martano Editore, Torino
1982
F. Caroli, Un Gastini carico di magia, in “Corriere della Sera”, Milano, 14 marzo
S. Sproccati, Marco Gastini, in “Segno”, n. 25, Pescara, marzo-aprile
P. Bode, Klassisches Erbe, und beflügelte Malerei, in “Abendzeitung”, Monaco di Baviera, 22 aprile
H. Kronthaler, Moderne Kunst aus Italien, in “Landschuter Zeitung”, Landschut, 22 aprile
D. Schmidt, Suche nach der verlorenen Seele, in “Süddeutsche Zeitung”, Monaco di Baviera, 22 aprile
G.S. Brizio, Marco Gastini, in “D’Ars”, n. 98, Milano, aprile
F. Caroli, Due artisti italiani in Germania, in “Il Globo”, Roma, 11 giugno
A. Dragone, Anche ferro e pergamena nelle opere di Gastini, in “La Stampa”, Torino, 10 luglio
I. Panicelli, Marco Gastini, in “Artforum”, New York, autunno
1983
C. Stam, Konsten i Förmyndarsverige, in “Stockholms Tidningen”, Stoccolma, 28 gennaio
G. Celant, Italians Konsthistoria 1953-1983, in “Paletten”, n. 2, Göteborg, febbraio
M. Bertoni, Marco Gastini, in “Segno”, n. 30, Pescara, marzo-aprile
C. Spadoni, Protagonista per trent’anni, in “Il Resto del Carlino”, Bologna, 2 aprile
F. D’Amico, Nella notte della tela, in “La Repubblica”, Roma, 22 aprile
G. Risso, E il frammento domina la scena dell’artista, in “La Gazzetta del Popolo”, Torino, 26, aprile
P. Chiapatti, Pittori uscite dai vostri quadri, in “L’Unità”, Roma, 27 aprile
L. Caramel, L’Immagine a due facce, in “Il Giornale”, Milano, 29 aprile
C. Cerritelli, Marco Gastini, opere 1958-83, in “Le Arti News”, Milano, aprile-maggio
R. Pasini, Marco Gastini, in “Terzo Occhio”, n. 27, Bologna, giugno
M. Vescovo, Marco Gastini, in “Color”, n. 2, Torino, novembre-dicembre
M. Meneguzzo, Marco Gastini, Claudio Olivieri, in “Artistes”, vol. 17, Parigi, dicembre
F. Gualdoni, La Palazzina dei Giardini di Modena, in “Area”, n. 14, Milano, dicembre-gennaio 1984
1984
F. Vetsch, Im Offenen Bildraum, in “Horizonte”, St. Gallen, 10 febbraio
F. Gualdoni, Gastini, Turcato e Oppenheim: diversi, ma insieme per qualità, in “II Giorno”, Milano, 29 febbraio
F. Menna, in “Paese Sera”, Roma, 29 febbraio
F. D’Amico, Profondo blu, in “La Repubblica”, Roma, 15 marzo
M. Rosci, Carbone, carrube e gommapiuma nella tavolozza di due artisti, in “La Stampa”, Torino, 31 marzo
S. Sgubbi, Marco Gastini, in “Juliet”, n. 16, Trieste, giugno-ottobre
V. Bauermeister, Krohn in Badenweiler: Marco Gastini, in “Basler Zeitung”, Basilea, 2 agosto
1985
A. Quattordio, Marco Gastini, in “Flash Art”, n. 124, Milano, gennaio
S. Engblom, Nãrvarande: atmosfãren, in “Expressen”, Stoccolma, 19 marzo
F. Gualdoni, Carboni, carrube, ferro: ed ecco un quadro, in “Domenica del Corriere”, n. 17, Milano, 27 aprile
G. Lessa Bastos, Marco Gastini. Extensions, in “Neue Kunst in Europa”, n. 8, Monaco di Baviera, maggio-luglio
K. Lavonen, Antiiksta Laseriin, in “Suomen Kuvalenti”, Helsinki, 27 settembre
M. Meneguzzo, Sul linguaggio dell’estasi, in “Segno”, Pescara, novembre
C. Cerritelli, Il corpo della pittura. Critici e nuovi pittori in Italia 1972-1976, Martano Editore, Torino
1986
M. Baptista, Cartão de visita, in “Arte”, Rio de Janeiro, 22 gennaio
K. Lavonen, Oletko materialisti, Marco Gastini, in “Helsingin Sanomat”, Helsinki, 6 marzo
M.T. Kivirinta, Gastini maalaa italianista maisemaa,in “Helsingin Sanomat”, Helsinki, marzo 
U. Rastad, Nytt fra Italia i Huset, in “Arbeiderbladet”, Oslo, 29 aprile
M.T. Kivirinta, Vaaleanpunsienen teosten yleisvalone, in “Helsingin Sanomat”, Helsinki, 12 maggio
S. Gjessing, Utenlandskompleks eller nasjonalt syndrom?, in “Aftenposten”, Oslo, 13 maggio
A. Thirkildsen, Et vindu mot verden, in “Drammens Tidende”, Oslo, 13 maggio
E. Siltavuori, Italy’s New Art and the Gallery of Dream, in “Form-function - Storia della Pittura”, De Agostini, Novara, vol. X, fasc. 159
1987
F. Jacono, Artisti affermati e giovani esordienti, in “Il Manifesto”, Roma, 18 febbraio
G.P. Vincenzo, Marco Gastini, in “Flash Art”, n. 139, Milano, maggio-giugno
F. Iacono, Paesaggi riciclati nella pittura di Gastini, in “Il Manifesto”, Roma, 19 giugno
C. Cerritelli, I legni e le plastiche di Marco Gastini in mostra a Modena, in “La Repubblica”, Bologna, luglio
G. Pellizzola, Marco Gastini, in “Terzo Occhio”, Bologna, estate
V. Tassinari, Marco Gastini, in “Artinumbria” n. 12, Perugia, estate
W. Guadagnini, Entrare non ha fine, in “Alto Adige”, Bolzano, 20 agosto
G. Cavazzini, La nave vichinga di Marco Gastini, in “Gazzetta di Parma”, Parma, 18 settembre
M. Rosci, Nave vichinga sui colli astigiani, in “La Stampa”, Torino, 24 settembre
E. Pontiggia, Tra barbarie e tenerezza, in “Il Giornale”, Milano, 4 ottobre
A. Testa, Fortunati gli ambigui, in “Il Giornale dell’Arte”, n. 50, Torino, novembre
C. Cerritelli, Marco Gastini, il respiro e l’immersione, in “Maestri d’Avventura”, Ravenna
M. Bertoni, in Dal grande libro di Colmar, Edizioni Martano, Torino
1988
C. Masini, Voci in parallelo, in “Il Resto del Carlino”, Bologna, 16 marzo
E. Bilardello, in “Corriere della Sera”, Milano, 16 maggio
V. Apuleo, Marco Gastini progettuale fantastico, in “Il Messaggero”, Roma, 31 maggio
F. D’Amico, L’uomo dai gesti bianchi, in “La Repubblica”, Roma, 11 giugno
L. Lambertini, Plastiche di Gastini, in “Il Giornale”, Milano, 26 giugno
V. Tassinari, Marco Gastini, dialogo informale ed avvolgente, in “Artinumbria”, n. 14, Perugia, inverno
M. Bertoni, Le emozioni di un anno, in “Segno”, n. 80, Pescara, dicembre
F. D’Amico, Gastini, Mattiacci, Spagnulo, Edizioni Essegi, Ravenna
P. Fossati, Marco Gastini, Edizioni Essegi, Ravenna
1989
D. Auregli, Quadri e sculture al di qua dell’eternità, in “L’Unità”, Roma, 21 gennaio
F. Iacono, Tre scultori per la città di Ravenna, in “Il Manifesto”, Roma, 4 febbraio
P. Levi, I materiali poveri recuperati da Gastini, in “La Repubblica”, Milano, 28 aprile
A. Dragone, L’avanguardia sta in cielo, in “La Stampa”, Torino, 5 maggio
D. Sundell, Fargen som material, in “Helsinki Bladt”, Helsinki, 26 maggio
T. Valiakka, Valon ja aineen rajalla, in “Helsingin Sanomat”, Helsinki, 26 maggio
M. Rosci, Gli emblemi araldici dell’arte povera, in “La Stampa”, Torino, 30 maggio
E. Heartney, Marco Gastini at John Weber, in “Art in America”, New York, maggio
A. Testa, Che gioia pesare molto, in “Il Giornale dell’Arte”, n. 67, Torino, maggio
L.S., A Villa delle Rose tre stelle di carta, in “Mercurio”, supplemento a “La Repubblica”, Milano, 15 luglio
E. Crispolti, Il nome della losa, in “AD”, n. 98, Milano, luglio
F. Poli, Liberate i babbuini, in “Il Manifesto”, Roma, 4 settembre
A.M. Ambrosini, L’arte va in fortezza con Mattiacci e C., in “Il Carlino”, Pesaro, 22 settembre
Una poesia, in “Spazio Umano”, n. 3, Milano, settembre
I. Mulatero, Marco Gastini, in “Juliet “, n. 44, Trieste, ottobre-novembre
V. Homero, Pata tirar o Museu des cinzas, in “Tribuna Bis”, Rio de Janeiro, 20 dicembre
S. Sproccati, Prose per l’arte moderna, Edizioni Essegi, Ravenna
1990
A. Araujo, Un novo MAM para una nova decada, in “Un Revista”, Rio de Janeiro, 8 gennaio
P. Morsiani, Gastini, in “Juliet”, Trieste, aprile
B. Merz, Pantomima a schegge. Marco Gastini, in “Tema Celeste”, n. 25, Siracusa, aprilegiugno
S. Bologna, Marco Gastini, in “Consulenza e Società”, n. 45-46, Roma, settembre-dicembre
C. Oliver, Temperamenti, in “The Guardian”, Londra, 9 novembre
C. Lorent, La peinture après 45, in “Art et Culture”, Bruxelles, novembre
1991
L. Meneghelli, Marco Gastini, in “Flash Art”, n. 168, Milano, giugno-luglio
M. Onorato, L’arte sentimentale di Gastini, in “La Nuova Vicenza”, Vicenza, 10 ottobre
S. Zanella, Gastini esprime lo spirito naturale, in “L’Adige”, Trento, 6 dicembre
L. Serravalli, Segni sull’orizzonte, in “Alto Adige”, Trento, 21 dicembre
G.M. Accame, La pittura riflessiva, in “Flash Art”, n. 165, Milano, dicembre
1992
D. Bellotti, Autori in primo piano, in “Il Resto del Carlino”, Bologna, 6 maggio
F. D’Amico, Memorie a colori, in “Il Venerdì di Repubblica”, supplemento a “La Repubblica”, Roma, 22 maggio
S. Evangelisti, in “Il Giornale dell’Arte”, n. 100, Torino, maggio
M. Rosci, Vita è piombo o ali di farfalla, in “La Stampa”, Torino, 8 giugno
P. Levi, Tutti i colori della natura, in “La Repubblica”, Torino, 16 giugno
P. Levi, Che stregone, fa il pittore, in “L’Europeo”, Milano, 26 giugno
M.L. Re Fiorentin, Piombo e graffi nel pittorico mondo di Gastini, in “Arte”, n. 230, Milano, giugno
M. Nicosia, Le pietre sono parole, in “Taxiart”, n. 3, Torino, giugno-luglio
F. Tedeschi, Nella natura, in “Il Giornale”, Milano, 5 luglio
C. Colazzo, Narrazione di Gastini, in “L’Adige”, Trento, 31 luglio
1993
L. Somaini, Vettor Pisani / Marco Gastini, in “La Repubblica”, Roma, 24-25 gennaio
F. Iacono, L’energia in frantumi nell’opera di Marco Gastini, in “Il Manifesto”, Roma, 25 gennaio
M. Vescovo, Gastini si riorienta, in “La Stampa”, Torino, 25 gennaio
P. Jori, Sdipanarsi in allungo e re-orientarsi, in “Foglio d’Informazione”, a cura della Galleria di Arte Contemporanea, Trento, gennaio-marzo
P. Jori, Il percorso artistico, in “Foglio d’Informazione”, a cura della Galleria Civica di Arte Contemporanea, Trento, gennaio-marzo
P. Jori, Biografia, in “Foglio d’Informazione”, a cura della Galleria Civica di Arte Contemporanea, Trento, gennaio-marzo
C. Huther, Raumgreifende Bilder, in “Main Echo”, Francoforte, 19 giugno
G. Nicol, Schöne Männer vor Fetzen aus Papier, in “Frankfurter Neue Presse”, Francoforte, 19 giugno
A. Terrahe, Aus dem Bild Gesturzt, in “Frankfurter Rundshau”, Francoforte, 22 giugno
S. Broos, Zurück im Steinernen Haus, in “Darmstadter Echo”, Darmstadt, 23 giugno
K. Cruwell, Flügel der Malerei, in “Frankfurter Allgemeine Zeitung”, Francoforte, 28 giugno
Eisendrähte zwischen Leinwanden, in “Main Spitze”, Francoforte, 28 giugno
Mit grosser Geste den Raum besetzt, in “Wiesbadener Tagblatt”, Wiesbaden, 5 luglio
Heute zu den tuppen Marco Gastinis, in “Frankfurter Rundschau”, Francoforte, 17 luglio
Sogni di Chillida e pitture di Tàpies e Gastini, in “Il Giornale dell’Arte”, n. 103, Torino, luglio-agosto
F. Tedeschi, Dialoghi con gli spazi naturali, in “Il Giornale”, Milano, 3 settembre
G. Mack, Das Museum stellt eine Aufgabe, in “Sudkurier”, St. Gallen, 4 settembre
B. Hanimann, Marco Gastini: Ein Poet des Raums verzaubert das St. Gallen Kunstmuseum, in “Die Obselauz”, St. Gallen, 6 settembre
M. Rosci, La pittura in un respiro, in “La Stampa”, Torino, 6 settembre
M.L. Re Fiorentin, Con macchie e linee Gastini racconta, in “Arte”, n. 243, Milano, settembre
A. Costanzo, Gastini, Marco, in La pittura in Italia. Il Novecento/2 1945-1990, a cura di C. Pirovano, Electa, Milano, in 2 tomi, tomo II P.G. Tordella, Torino, in La pittura in Italia. Il Novecento/2 1945-1990, a cura di C. Pirovano, Electa, Milano, in 2 tomi, tomo II.
1994
Loft torinesi, in “Il Giornale dell’Arte”, n. 122, Torino, maggio
La Civica punta su 500 carte, in “Il Giornale dell’Arte”, Torino, maggio
F. Fanelli, Il ritorno della Solano, doppio Gastini e l’anatobo Kaufman, in “Il Giornale dell’Arte”, Torino, maggio
A. Mistrangelo, Fra segni e angeli, in “La Stampa”, Torino, maggio
T. Conti, Marco Gastini, in “Atelier”, Praga, 16 giugno
T. Conti, Marco Gastini, in “Tema Celeste”, Siracusa, autunno
1995
R. Rubinstein, Marco Gastini at John Weber – New York, in “Art in America”, New York, gennaio 
M. Vescovo, I ferri di Gastini, in “La Stampa”, Torino, 20 febbraio
G. Trevisan, La materialità ritrovata, in “L’Arena”, Verona, 6 marzo
F. Bletzo, Domande sull’arte. Parla Gastini, in “La Cronaca”, Verona, 9 marzo
A. Jannacci, Marco Gastini, in “Artforum”, New York, marzo
G. Curto, Marco Gastini, in “Flash Art”, n. 191, Milano, aprile-maggio
A. Tager, Report from Los Angeles, in “Art in America”, New York, ottobre
A. Vettese, I ritratti ritrattati da quattordici artisti, in “Il Sole 24 Ore”, Milano, 17 dicembre
M. Bertoni, Marco Gastini, Edizioni della rivista “Segno”, collana “Monografie di artisti contemporanei”, Pescara
L. Caramel, C. Piccoli, Civica Galleria d’Arte Contemporanea di Lissone, Edizioni Mazzotta, Milano
1996
D. Trento, Gastini, la materia che nasce dal riflusso, in “La Repubblica”, Bologna, 1 febbraio
J.L.C., Marco Gastini, une nouvelle jeunesse pour la peinture, in “Verso Arts et Lettres”, Parigi, n. 2, aprile
L. Parola, Dipingere la pietra, in “Alp”, n. 132, Torino, aprile
G. Cavazzini, Tensioni poetiche di Marco Gastini, in “Gazzetta di Parma”, Parma, 29 maggio
M. Pozzati, Marco Gastini, in “Tema Celeste”, n. 56, Milano, primavera
R. Peli, La dimensione di Gastini, in “Polis”, 12-18 giugno
P. Weiermair, in “Muang Ake”, 18 luglio
F. Huser, L’art du relief, in “Le Nouvel Observateur”, Parigi, luglio
P.G. Persin, Marco Gastini, in “L’OEil”, Parigi, luglioù
A.M. Sauzeau, in “Roma”, Roma, 7 agosto
P.G. Castagnoli, in “Bologna”, Bologna, 29 agosto
C. Crescentini, Marco Gastini tra gli echi della luce, in “Arte e Critica”, n. 1, Roma, autunno 
F. Poli, Pittore oltre cornice, in “Quadri & Sculture”, n. 22, Roma, ottobre
La Biennale di Venezia: le esposizioni internazionali d’arte 1895-1995. Artisti, mostre, partecipazioni nazionali, premi, Electa, Milano
Una straordinaria avventura. Premio Lissone 1946/1967 - Critica, cronaca, documenti, Comune di Lissone, Lissone
1997
M. Rosci, Gastini scommette con Siena, in “La Stampa”, Torino, 21 luglio
M.P., La scommessa di Gastini, in “La Voce del Campo”, Siena, 24 luglio
M. Vescovo, Tra le mostre. Fisicità e segno, in “La Stampa”, Torino, 28 luglio
F. D’Amico, Le travi, le pietre, il passato di Gastini, in “La Repubblica”, Roma, 11 agosto
1998
W. Leissling, Der Atem, die Luft, das Licht, in “Thüringer Allgemeine”, Weimar, 12 giugno
U. Diehl, Ratlose Artisten in Tarnanzug, in “Frankfurter Allgemeine”, Francoforte, 23 giugno
J. Draganovic, Der Atem, die Luft, das Licht, in “Weimar Kultur Journal”, n. 6, Weimar, giugno
G. Castagnoli, M. Gastini, Trasparenze, con un testo di M. Rasetti, All’Insegna del Pesce d’Oro, Milano
A. Bonito Oliva, Pièce Unique “10 anni 1989-1998”, schede critiche di C. Casorati, Giampaolo Prearo Editore, Milano, ubblicato per conto della Galerie Pièce Unique, Parigi
1999
A. Cappelli, Trasparenze, in “Art’è”, Bologna, gennaio
M. Fuoco, Quei giochi in una stanza, in “La Gazzetta di Modena”,Modena, 18 maggio
C. Wiedemann, Lufthoheit für Lichtkunstier, in “Süddeutsche Zeitung”, Monaco di Baviera, 3 dicembre
S. Leinemann, Ein ganz besonderes Licht, in “Die Welt”, Berlino, 24 dicembre
H. Friedel, Marco Gastini: la grande entrata della pittura, in “Coevit, Civitas Litterarum”, Viadana, giugno
2000
L. Parola, L’ingombrante pittura di Marco Gastini, in “La Stampa”, Torino, 25 maggio
P. Levi, Marco Gastini, in “La Repubblica”, Torino, 7 giugno
F. Fanelli, Pittura in levitazione, in “Il Giornale dell’Arte”, Torino, giugno
2001
F. Fanelli, Lo spazio di Gastini e il cielo di Airò, in “Il Giornale dell’Arte”, Torino, febbraio
N. Orengo, Gastini, graffi di plexiglas, in “La Stampa”, Torino, 2 marzo
P. Levi, La pelle dell’arte, in “La Repubblica”, Torino, 3 marzo
L.P., C’è Gastini alla Promotrice, in “Torino Sette”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 8 marzo
F. D’Amico, Gastini bianco con le ali, in “La Repubblica”, Roma, 19 marzo
Leichtigkeit des Atems, in “Handelsblatt”, Francoforte, 30 marzo
M. Vallora, L’artista che uscì dalla pittura, in “Specchio”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 31 marzo
G. Curto, Le figure mancanti, in “Torino Sette”, supplemento a “La Stampa”, Torino, marzo
G. Balestra, Marco Gastini, i tanti modi d’esser fedeli alla pittura, in “Il Nostro Tempo”,
Buenos Aires, 8 aprileF. Poli, Le ali della pittura, in “Il Manifesto”, Roma, 13 aprile
M.B., Il grande jazz per Gastini, in “La Stampa”, Torino, 19 aprile
E. Krumm, Prima di una tempesta, in “Corriere della Sera”, Milano, 23 aprile
O. Gambari, L’ecologia sposa l’arte nell’officina magica, in “La Repubblica”, Torino, 2 giugno
P.P. Benedetto, L’arte al posto dell’uovo, in “La Stampa”, Torino, 2 giugno
O. Herwig, Bilder drängen in den Raum, in “Süddeutsche Zeitung”, Monaco di Baviera, 21 giugno
B. Sonna, Bilder: Die aus dem Rahmen fallen, in “Süddeutsche Zeitung”, Monaco di Baviera, 23 giugno
A. Krauss, Bühnen für die Vergänglichkeit, in “Donau-Kurier”, Ingolstadt, 24 giugno
B. Reitter, Raumsprengende Malräume, in “Traunsteiner Tagblatt”, Traunstein, 26 giugno
W. Koethe, Bühnenreife Formate für Neureiche, in “Kunst”, Monaco di Baviera, giugno
J. Jurczyk, Marini, der kühle Blick aus Italien, Gastini, in “Rinascita Flash”, Monaco di Baviera, giugno
W. Koethe, Every Breath You Take, in “Kunst”, Monaco di Baviera, giugno-luglio
F. Meier, Fragen an die Malerei, in “Frankfurten Rundschan”, Francoforte, 28 luglio
La terza dimensione della pittura, in “Il Giornale dell’Arte”, Torino, luglio-agosto
M. Vallora, Un big-bang della pittura nell’opera-valigia di Gastini, in “La Stampa”, Torino, 4 agosto
R. Heise, Gegen Rahmenrichtlinien, in “Kunst”, Monaco di Baviera, 7 agosto
M. Vallora, Altre mostre, in “Specchio”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 11 agosto
M. Bertoni, Marco Gastini. La memoria e l’oblio / Memory and Oblivion, in “Carte d’Arte Internazionale”, Messina, autunno
M. Taglieri, È uno spazio per la GAM, in “La Repubblica”, Torino, 29 novembre
G.M. Accame, Figure astratte. Esperienze internazionali della pittura aniconica, con testi di M. Bertoni, C. Cerritelli e F. Tedeschi, Campisano Editore, Roma
P. Giloy-Hirtz, Der Atem der Malerei, in “Künstlerkritisches Lexikon der Gegenwartskunst”, Monaco di Baviera, dicembre
2002
A. Gascò, Dialogos para los ojos, in “Levante”, Castelló, 18 ottobre
Quim Cullen, Sei artistas italianos de vanguardia exponen en el Museu de Belles Arts de Castelló “Arte del Piemonte en el Museu”,in “Levante”, Castelló, 18 ottobre
G. Curto, T. Conti, Signo, materia, pensamiento, in “El Periodico Mediterraneo”, Castelló, 20 ottobre
Ad.M. [A. Masoero], La pittura in bilico, in “Il Giornale dell’Arte”, Torino, ottobre
M. Paglieri, Asta d’arte contro la mafia, in “La Repubblica”, Torino, 12 novembre
I. Cambiati, Va all’asta il bosco delle differenze, in “La Stampa”, Torino, 12 novembre
T. Rivolo, Gastini e Rotta Loria alla Luisia, in “L’Eco del Chisone”, Pinerolo, 5 dicembre
T. Rivolo, Opere d’arte incastonate in biblioteca, in “L’Eco del Chisone”, Pinerolo, 12 dicembre
N. Orengo, Stella che vai, in “Tuttolibri”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 23 dicembre
2003
B. Masera, Marco Gastini, in “Art’è”, Bologna, gennaio-febbraio
C.Al. Bucci, Le stanze della pittura, in “La Repubblica”, Roma, 6 aprile
R. Gramiccia, Marco Gastini e la libertà della pittura, in “Liberazione”, Roma, 14 aprile
A. Zevi, La pittura volante decolla dal muro, in “Corriere della Sera”, Milano, 14 aprile
G. Curto, Pittura aniconica, altro che minimal art, in “Tuttolibri”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 19 aprile
F. D’Amico, I segni di Gastini tra ruggini e luci, in “La Repubblica”, Roma, 28 aprile
A. Mammì, Gotico grottesco, in “L’Espresso”, Roma, 30 aprile
A. Zevi, Incongruente instabile, in “L’Architettura - Cronache e Storia”, n. 570, Roma, aprile
Marco Gastini: una pittura scultura, in “Saluzzo Oggi”, Saluzzo, 13 maggio
R. Gramiccia, Alchimie nel bosco di Castelbasso, in “Liberazione”, Roma, 16 luglio
G. Curto, Gastini, Zorio e C. sulle strade del sale, in “Tuttolibri”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 9 agosto
2004
C. Bonvicini, Nove parole di Marco Gastini, in “Quaderni di Villa Soranzo”, n. 8, Varallo Pombia, aprile
C. Bonvicini, Tre amici in galleria, per non parlare del cane, in “Quaderni di Villa Soranzo”, n. 8, Varallo Pombia, aprile
C. Corni, in “Quaderni di Villa Soranzo”, n. 8, Varallo Pombia, aprile
G. Curto, Con Gastini la villa s’illumina di blu, in “Tuttolibri” , supplemento a “La Stampa”, Torino, 15 maggio
F. De Bartolomeis, La tridimensionalità nell’arte contemporanea, Hopefulmonster, Torino
2005
M. Vallora, Sulla pietra, in “Specchio”, supplemento a “La Stampa”, Torino, febbraio
R. Gramiccia, La regola, il disordine, la democrazia, in “Liberazione”, Roma, 5 maggio
M. Fiorini, Camec, sfida d’artista tra Gastini e Ranaldi, in “Il Secolo XIX”, Genova, 16 luglio
L. Castellini, La Spezia mette in mostra la cultura, in “Il Giornale”, Milano, 21 agosto
M. Vallora, Gastini, sul muro la pelle della pittura, in “Tuttolibri”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 27 agosto
L. De Sanctis, Gastini, l’invasione dello spazio, in “La Repubblica”, Roma, 29 settembre
M. De Candia, La pittura di Gastini raggiunge lo spazio, in “Trova Roma”, supplemento a “La Repubblica”, Roma, 25 settembre - 5 ottobre
R. Gramiccia, Marco Gastini, il gesto politico dell’artista, in “Liberazione”, Roma , 13 ottobre
P.P.,Gastini, spazio e luce graffiano i materiali, in “L’Unità”, Roma, 14 ottobre
S. Pegoraro, Gastini, metamorfosi dello spazio, in “Il Messaggero”, Roma, 5 novembre
M. Commone, Marco Gastini. Echi, La Spezia, Centro per l’Arte Moderna e Contemporanea, luglio-settembre 2005, in “Titolo”, n. 48, Perugia, autunno
Oltre frontiera. Un lavoro: un’opera, presentazione di F. Guidi Bruscoli, introduzione di B. Corà, Edizioni Canopo, Prato
A. Zevi, Peripezie del dopoguerra nell’arte moderna, Einaudi, Torino
2006
R. Gramiccia, Marco Gastini, la poetica dei materiali, in “Liberazione”, Roma 9 aprile
P. Naldi, Gastini pittore tridimensionale, in “La Repubblica”, Roma, 2 novembre
M. Vallora, Evasione dallo spazio chiuso, in “Specchio”, supplemento a “La Stampa”, Torino, 25 novembre
W. Meyer, Marco Gastini, l’eco degli elementi, in “Carte d’Arte Internazionale”, Messina, inverno
2007
F. Baboni, Marco Gastini espone alla 2000 & Novecento, in “IF”, Reggio Emilia, maggio
A.C. Bellati, Gastini. Colore addosso, in “Arte”, Milano, maggio
F. Baboni, Marco Gastini, in “Juliet”, n. 133, Trieste, giugno
A.M. Martini, Marco Gastini, in “EspoArte”, n. 47, Albissola Marina, giugno-luglio
A. Rigoni, La nuova pittura in Italia. Pitturapittura e pittura analitica 1972-1978, Quaderni di arte contemporanea 2, Fondazione Zappettini, Chiavari
Parola d’artista. Dall’esperienza aniconica: scritti di artisti italiani 1960-2006, a cura di G.M. Accame  e G. Vismara, Edizioni Charta, Milano
Venticinque anni d’arte 1982-2007, a cura di M. Paglieri, testo di R. Maggio Serra, Fondazione De Fornaris, Torino
2008
O. Gambari, Gastini e Mattiacci in “sospensione”, in “La Repubblica”, Torino, 19 gennaio
R. Gramiccia, Gastini Mattiacci, colori contromoda, in “Liberazione”, Roma, 25 gennaio
L. Parola, Il cielo in una stanza tra attese e realtà, in “La Stampa”, Torino, 25 gennaio
O. Gambari, Il cosmo secondo Mattiacci e Gastini, in “La Repubblica”, Torino, 30 gennaio
G. Curto, Gastini e Mattiacci, un dialogo sospeso, in “La Stampa”, Torino, 12 febbraio
F. Fanelli, A riveder le stelle, in “Vernissage”, supplemento a “Il Giornale dell’Arte”, Torino, febbraio
P. Levi, Sentiero d’arte. Fossati da New York a Bossolasco per “inventare” un museo naturale, in “La Repubblica”, Torino, 19 agosto
V. Feierabend, M. Meneguzzo, Pittura analitica, Silvana Editoriale, Milano, collana della Fondazione VAF per la promozione dell’arte italiana contemporanea, vol. VI
2009
Giorgio Bonomi, La disseminazione. Esplosione, frammentazione e dislocazione nell'arte contemporanea, prefazione di Achille Bonito Oliva, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli
Stefano Ferrari, Marco Gastini. Il quadro scappato dalla tela, in "Arte", Milano, gennaio
Marco Bazzini, Stefano Pezzato (a cura di), La collezione. Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci, Prato, Giunti, Firenze - Milano
Maria Marinelli, Marco Gastini. Nel volo... attorno, in "Segno", Pescara, anno XXXIV, n. 223, febbraio - marzo
Roberto Gramiccia, Gastini con le ali ai piedi, in "Liberazione", Roma, 5 marzo
Francesco Poli, Volano pietre e tele nel blu di Gastini, in "La Stampa", Torino, 30 marzo
Nothing is permanent. Albert Baronian, profession: galeriste, pubblicato in occasione della mostra (La Centrale Eléctrique, Centre d'Art Contemporain de la Ville de Bruxelles, 19 giugno - 27 settembre), La lettre volée, Bruxelles
Luci d'Artista, è Marco Gastini nel 2009 a illuminare Torino, in "Exibart on paper", anno VIII, n. 61, novembre - dicembre
Emanuela Minucci, Luci sulla città, in "La Stampa", Torino, 3 novembre
Marina Paglieri, Gastini rinnova Luci d'Artista, in "la Repubblica", edizione Torino, 4 novembre  
Roberto Gramiccia, Fragili eroi. Ritratti d'artista, prefazione di Mario Monicelli, Derive Approdi, Roma
2010
Lucilla Saccà (a cura di), Serafino Flori. Storia di una galleria, Artshow Edizioni, Milano
Luca Massimo Barbero (a cura di), Torino sperimentale 1959-1969. Una storia della cronaca: il sistema delle arti come avanguardia, pubblicato in occasione della mostra (Sala Bolaffi, Torino, 19 febbraio - 9 maggio), Allemandi, Torino
Laura Tansini, The work is space and energy. A conversation withMarco Gastini, in "Sculpture", pubblicazione di International Sculpture Center, Hamilton (New Jersey), vol. 29 n. 6, luglio-agosto
Flavio Fergonzi, Antonello Negri, Marina Pugliese (a cura di), Museo del Novecento. La collezione, Electa, Milano
Marcella Beccaria, Elena Volpato (a cura di), Dieci anni e oltre. La collezione della Fondazione per l'Arte Moderna e Contemporanea - CRT per Torino e il Piemonte, Archive Books, Berlino
2011
Evelyn Vogel, Gemalte Partituren, in "Süddeutsche Zeitung", Monaco di Baviera, 20 aprile
Dario Pappalardo, I miraggi di Gastini ispirati dai colori del Salento, in "la Repubblica", Roma, 16 luglio
Ilaria Marinaci, Gastini: "Ispirato dai colori del Salento", in "Nuovo Quotidiano di Puglia", Lecce, 16 luglio
T. C., Gastini, ispirazioni meridiane, in "La Gazzetta di Lecce", Lecce, 16 luglio
Elena Volpato, Gastini al castello, in "Saturno", inserto de "Il Fatto Quotidiano", Roma, 29 uglio
Roberto Gramiccia, L'unità del Paese attraverso l'arte di Marco Gastini, in "Liberazione", Roma, 21 agosto
Marco Vallora, Con Gastini cantano le pietre di Specchia, in "La Stampa", Torino, 22 agosto
2016
Gianni Marussi, in "Artdirectory", Marco Gastini e Giuseppe Spagnulo, Una selezione di opere realizzate a partire dagli anni '60, Grosetti Arte Contemporanea, 2016

Print Friendly, PDF & Email

Cortile di Francesco: Differenze 15/21-22 settembre, Assisi (PG)

Torna ad Assisi il "Cortile di Francesco". Dopo il successo delle passate edizioni al via il quarto appuntamento, che si terrà il prossimo 21 e 22 settembre nella Basilica di San Francesco d’Assisi. Parteciperanno tra gli altri il Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, Card. Gianfranco Ravasi, gli economisti Carlo Cottarelli e Jean-Paul Fitoussi, e gli artisti Michelangelo Pistoletto e Oliviero Toscani. Due giorni di incontri, conferenze e workshop.

Print Friendly, PDF & Email
Per saperne di più

Jesus Christ Superstar in tour in Italia con Ted Neeley, Arena, Verona, 14/08/2018

in scena accanto a Neeley nei panni di Gesù,il brasiliano Nick Maia (Giuda), Paride Acacia (Hannas), Simona Distefano (Maria Maddalena), Andrea Di Persio (Pilato), Giorgio Adamo (Simone), Francesco Mastroianni (Caifa), Mattia Braghero (Pietro), Salvador Axel Torrisi (Erode), il grande ensemble di acrobati, trampolieri, mangiafuoco e ballerini.

Print Friendly, PDF & Email
Per saperne di più