SiteLock

Giuliano Mauri – Cattedrale Vegetale, riva sinistra del fiume Adda, area Ex Sicc, Lodi

“La Cattedrale rappresenta un’idea di magnificenza, un ordine e una sacralità del luogo, ho sempre voluto dare corpo a questa fratellanza che esiste tra il luogo e la sacralità della terra e di questi elementi che si innalzano che sono gli alberi. In questo c’è dentro tutta la filosofia del mio lavoro. Il luogo non mi dimentica e questo mi fa felice, mi piace pensare che la gente attraverserà questo luogo pensando al perché è stata costruita, al perché si è fatta, una domanda che la gente si farà da sé, rendendosi conto che l’opera vale il posto.”

Giuliano Mauri

Il progetto "Cattedrale Vegetale" procede a grandi passi.
Il sogno di Giuliano Mauri, 
scomparso nel 2009, sta per realizzarsi nel luogo in cui l'Artista aveva pensato l'opera. Noi seguiremo il compiersi dell'opera, documentandola nelle sue fasi successive.

Lunedì 18 alle ore 16.30, Vittorio Sgarbi ha tenuto a Lodi  una lezione in cantiere.
Vittorio Sgarbi: "L'opera di Mauri, dove il gesto dell’uomo e dell’architetto ripete il gesto di Dio, con gli strumenti che Dio ci ha dato, per creare qualcosa che durerà in eterno secondo i ritmi della natura e integrandosi con la città e le bellezza naturali che la circondano. E che non sarà smantellato dopo due settimane. Sarà un luogo in cui le persone verranno a pregare anche se sono atee, per celebrare la potenza della creazione."
Il sindaco Simone Uggetti: "Il Comune non ha speso un euro per quest’opera che diventerà la maggiore attrazione artistica della città".
Infatti i 355 mila euro di costo preventivati saranno coperti da Regione e da sponsor privati. Sgarbi stesso, da ambasciatore di EXPO2015, era riuscito a ottenere i fondi dal governatore della Lombardia Roberto Maroni per inserirla nel contesto delle opere legate ad EXPO2015.
A settembre, finito il raddoppio in altezza dei colonnati, inizierà la semina degli alberi, probabilmente querce.

Tessitore del bosco .. " lo chiamava il critico d’arte Vittorio Fagone, Giuliano Mauri ha lasciato tanti segni, tanti gesti simbolici su cui è il momento di tornare. In concomitanza con la costruzione e la crescita della Cattedrale Vegetale, nasce la volontà di proporre una mostra antologica nel luogo di nascita del primo artista italiano entrato a far parte del movimento Art in Nature (1981).
Il progetto dell’Archivio Giuliano Mauri con il Comune di Lodi inizia già nel 2008 e con il progetto Triennale Xtra per Expo 2015 diventa finalmente possibile credere alla fattibilità di questo rinnovato incontro tra l’artista e i suoi luoghi d’origine.

Giuliano-Mauri-Cattedrale-Vegetale-Parco-delle-Orobie

Il 16 Maggio 2016, iniziano a Lodi i lavori per la costruzione della Cattedrale Vegetale. Mauri ha lasciato in eredità uno scritto, considerato il suo testamento artistico, nel quale progetta una Cattedrale Vegetale per la sua città.
L’Associazione Giuliano Mauri, grazie al Comune di Lodi e al sostegno della Regione Lombardia, di grandi nomi dell’arte Italiana, di sponsor privati e con il patrocinio de La Triennale di Milano, come garante della qualità culturale del progetto, porta avanti il sogno di Mauri.
Credere in un luogo di culto e di aggregazione dove esiste solo la natura con la sua forza e i suoi silenzi, contemplare il cielo e pregare ognuno a proprio modo, o semplicemente fluire i pensieri, essere dentro l’opera.
La prima idea di Cattedrale Vegetale viene a Mauri negli anni ’80, ma solo nel 2001 riesce a costruirla ad Arte Sella (Borgo Valsugana, Trento), grazie al Direttore Artistico Emanuele Montibeller, immagine simbolo della valle, l’installazione accoglie migliaia di visitatori l’anno.
La seconda realizzata nel Parco delle Orobie (Bergamo), in un contesto ambientale più isolato, ma comunque visitata da migliaia di persone.
La Cattedrale Vegetale di Lodi occuperà un’area di 1.618 mq, sarà costituita da 108 colonne di legno – dal diametro di 1,20m ciascuna – alta 18m, lunga 72m e larga 22,48m.
La struttura ospiterà 108 alberi e ne guiderà la crescita.
Mauri costruisce architetture vegetali con l’intento di recuperare un dialogo profondo con i luoghi.
In questa direzione si è sempre collocato il suo lavoro, attento a lasciare i segni minimi, essenziali, lievi, nella prospettiva di una sorta di continuità, o di reciproco completamento, tra arte e natura.
La direzione artistica dei lavori è coordinata dai figli di Mauri, il progetto è curato da Francesca Regorda, tutto sotto il controllo del Comune di Lodi con l’Assessore all’Ambiente, attività produttive e lavoro, pace e cooperazione, turismo, gemellaggi ed Expo 2015, Andrea Ferrari, che racconta così il progetto: “Oltre a rappresentare un sentito e riconoscente omaggio alla figura dell’artista Giuliano Mauri, la realizzazione della Cattedrale Vegetale, rappresenta per Lodi, l’occasione per connotare il paesaggio urbano, con una presenza di grande forza evocativa, destinata a diventare un autentico land mark, in un contesto di straordinario pregio ambientale, immerso nei meandri del fiume Adda, ma allo stesso tempo in prossimità del centro abitato, valorizzando e promuovendo il rapporto con la natura che costituisce un elemento centrale nell’opera di Giuliano Mauri.

“La Cattedrale Vegetale evoca in noi molte emozioni, incontra qualche nostro bisogno indefinito, ma lo fa con leggerezza, lasciandoci spazi per guardarci attraverso, come attraverso le sue possenti ed eteree colonne. Ci intimidisce con le sue dimensioni: l’altezza la monumentalità; rievoca grandi fatiche e grandi invenzioni, aspirazioni architettoniche e religiose degli uomini che in ogni periodo della loro storia hanno provato a spiegare, sfiorando i loro limiti e le loro possibilità, rivolgendosi alle loro divinità, cercando di raggiungerle in una preghiera non certo sussurrata o sommersa.”

Laura Tomaselli, Arte Sella 2003


Giuliano Mauri, nasce a Lodi Vecchio nel 1938.
A 10 anni, lavora come aiutante di un panettiere e dipinge cartelloni pubblicitari per il cinema locale. Nel 1951 si trasferisce a Milano. Qui lavora in una panetteria e comincia la sua carriera come boxeur nel campionato “amatori”, nei pesi Welter, nell’unione sportiva Lombarda. Nel 1959 si sposa con Silvana e si trasferisce a Lodi, dove, dopo il matrimonio apre un laboratorio di pasta fresca. Continua a dipingere. A partire dal 1964 frequenta i circoli artistici di Milano, in particolare quelli legati al movimento italiano della poesia militante, che dirigevano la propria attenzione verso l’ambiente politico e sociale.

1974
Comincia ad esporre in forma individuale. I suoi video e le performances fotografiche su interventi ambientali nei campi del lodigiano furono mostrati in varie gallerie italiane: Galleria Il Gelso a Lodi, Galleria La Chiocciola a Padova, Galleria 72 Bergamo, Studio Valloto Bassano del Grappa, Galleria Teselli Milano…
 1976
Partecipa alla Biennale di Venezia, invitato da Enrico Crispolti, commissario della sezione italiana Giardini del Castello, Venezia.
Nella Piazza Vittoria di Lodi realizza un’Azione.
Carlo Ripa di Meana lo invita alla “Prima giornata di solidarietà con i popoli oppressi” nella Sala Grande del Palazzo del Cinema di Venezia.
Partecipa alla mostra “Arte Ambiente” nei giardini Rebuffone di Brescia, invitato da Piero Cavellini e con il catalogo di Mirella Bandini
Espone individualmente nel Centro Internazionale di Brera, Milano, invitato da Vittorio Fagone e Aurelio Natali.
A Francavilla al Mare, Chieti, Franco Solmi scrive nel catalogo che si pubblica in occasione della concessione del Premio della Fondazione Michetti, dove realizza un’azione di “arresa” con le sue tele, nei Giardini della Galleria di Arte Moderna. Esposizione de “La Giostra” ( carosello) nella Galleria Municipale di Arte Moderna di Capo D’Orlando, Messina, con il catalogo all’attenzione di Vittorio Fagone
1978
Realizza l’enorme “Gioco dell’oca” nella Galleria di Arte Moderna di Bologna, nell’ambito della mostra “Metafisica del quotidiano”. Tommaso Trini scrive di Giuliano Mauri nel catalogo dell’esposizione. L’artista spiega così le motivazioni della sua opera: “Una spirale di tele che rappresentano il gioco quotidiano. Punizioni e premi entrano nelle regole del gioco, l’alternativa alle regole non esiste.
Realizza una Azione a San Giuseppe Vesuviano, Napoli.
Realizza l’”Azione Fiume Lodigiano <http://www.giulianomauri.com/test/?p=338> ” nella quale “confida alla corrente del fiume lunghi pezzi di tela, scritti e dipinti in una situazione intermedia tra lo spazio breve della performance e l’onda lunga del messaggio che naviga nel tempo”, nelle parole di Rossana Bossaglia.
Si inaugura l’esposizione “Asciugamani automatico” nella chiesa di San Agostino, Piacenza.
1979
Si inaugura l’esposizione “Le male erbe” nella Galleria Municipale di Arte Moderna di Modena e nella Galleria Municipale di Arte Moderna di Ancona, invitato da Franco Solmi.
Partecipa alla esposizione “ Sistina società per Arte Grandi Opere” commissionata da Tommaso Trini, in cui espone una grande vetrata di 3×4 metri intitolata “ Le erbe grame non muoiono mai”. Galleria di Arte Moderna, Bologna.
La sua opera è rappresentata alla mostra “Other Child Book” a Varsavia, Polonia.
Esposizione collettiva nella Galleria Municipale di Arte Moderna, Slovenia, Gradec, Warszawa, Jugoslavia.
Partecipa alla esposizione collettiva “Orlando al Dosso” nella casa del Mantegna, Mantova. Una sua performance è l’idea di chiudere la dimostrazione nella piazza delle erbe, nella quale ripropone il problema “risolubile” degli emarginati.
1980
Mauri si definisce uno scultore dell’arte nella natura all’inizio degli anni 80’. Costruisce Mulini a vento <http://www.giulianomauri.com/test/?p=609> , strutture completamente inutili, pale che girano per l’azione di un vento inesistente, mulini che non producono luce né macinano grano.
1981
Vittorio Fagone pubblica una monografia su Giuliano Mauri , editoriale Prearo, con la scusa della sua esposizione individuale nello Studio Ennesse, Milano.
Realizza un intervento, “La casa dell’uomo raccoglitore <http://www.giulianomauri.com/test/?p=530> ”, nella chiesa di Sant’Agostino, Bergamo, inclusa nell’esposizione “Deserto”, commissionata da Marco Lorandi e Aurelio Natali. L’artista sottolinea così la sua costruzione: “ho ripreso la casa dell’uomo che miete, quello che, come dicono, abbandonato l’inseguimento del branco di animali col quale si assicura l’alimento, ha costruito il suo primo rifugio. E’ un momento che dà inizio ad una fase accelerata di accumulo e di integrazione di esperienze. Si tratta di un processo inevitabile e (disperatamente?) condizionato dalla perdita della cultura naturale. L’istinto è dominato dalla necessità di instaurare un nuovo equilibrio attraverso la modifica di ogni cosa. Questa casa contiene il prodotto elaborato fino ad oggi (quello che resta fuori si farà).
Lavora ai “Codici acquatici <http://www.giulianomauri.com/test/?p=354> ” sul fiume Adda, Lodi.
1982
Costruisce la “Scala del Paradiso” di 140 mt di lunghezza per 10 mt di altezza sopra il fiume Adda. La “Scala del paradiso” è costituita da una serie di rami conficcati nel terreno, che si uniscono gli estremi con semplici legature.
Realizza una performances dei “ lavatori e tenditori” di panni alle 7 del mattino, “I Sentieri del tempo”, a Como.
Nella Sala del Mercato del Sale a Milano, ripropone, all’interno della galleria, un “pezzo” della “Scala del paradiso” “come desiderio di salire, di andare verso l’alto, come motivazione religiosa di un tempio pagano, dove i simboli di salire, andare verso l’alto, di povertà di materia, prossimità della natura, inserzione nell’arte, danno vita ad un curioso sincretismo animista come se si fondesse l’aspirazione mistica gotica con le reminiscenze celtiche, una scala che, da dove si vede, non si sa dare una risposta per la discesa: solamente si sale, si va via, verso un fuori previsto solo per l’immaginazione” nelle parole di Ugo Carrega.
1983
Interviene con una performances di una sola giornata nell’esposizione “Morbide Trame”, commissionata da Luciana Zingarelli , nella Galleria Municipale di Arte moderna di Ascoli Piceno.
Esposizione individuale nella Galleria Quanta, Milano. La prefazione del catalogo è firmata da Pierre Restany.
Presenta Altari Vegetali nella galleria Gelso a Lodi.
1984
Inizia la serie degli Altari Vegetali sui bordi del fiume Adda a Lodi. Sono, secondo l’artista, “tessuti con rami vivi” che realizza per la necessità poetica di contribuire a che la natura continui a scolpire.
Mostra “El Zeppelin Vegetale” nella galleria Quanta, Milano.
Lavora alle scenografie dello spettacolo teatrale “Tartarughe dal becco d’ascia”, della Compagnia Teatrale Out-Off di Milano, e del balletto “Don Chisciotte” per Canale 5.
E’ l’autore della copertina del n. 103 della rivista D’Ars, con presentazione di Pierre Restany.
Costruisce “La città del Sole <http://www.giulianomauri.com/test/?p=515> ”, Lodi.
1985
Presenta “Uccelli e Gabbie” nella Sala del Mercato del Sale, Milano. Il testo del catalogo è firmato da Pierre Restany.
Partecipa per la prima volta a Milanopoesia con “Accampamento Padano”, Milano.
Costruisce “La casa dell’uomo <http://www.giulianomauri.com/test/?p=534> ”, Sassello, Savona.
Realizza un’altra “Casa dell’uomo <http://www.giulianomauri.com/test/?p=534> ” a Lodi.
Lavora alla serie “Isole Vaganti <http://www.giulianomauri.com/test/?p=437> ”, Lodi.
1986
Si inaugura l’esposizione Giuliano Mauri: La terra del cielo, nel Centro Internazionale di Brera, antica chiesa di San Carpoforo, Milano. Vittorio Fagone è l’autore del testo del catalogo.
Mostra “Cornucopia” nello Studio Bassanese, Trieste.
Esposizione nella Galleria Gelso a Lodi.
1987
Installa “Le Trombe del Paradiso” a Pegognaga, Mantova.
1988
Mostra le “Spore Vegetali” nella villa Barzino, Busalla, Genova.
Installa “Canti dell’Esilio d’occidente <http://www.giulianomauri.com/test/?p=554> ” a Sant’Arcangelo di Romagna.
Costruisce “Bosco sull’isola <http://www.giulianomauri.com/test/?p=425> ”, sul fiume Tormo a Lodi.
1989
Partecipa all’esposizione collettiva Shakti I, Kobenhavn
Partecipa a Milanopoesia con “Accampamento padano 2”, Milano.
1991
Comincia la serie dei “Nidi”, Monteciccardo, Pesaro.
1992
Lavora all’”Albero dei Cento Nidi <http://www.giulianomauri.com/test/?p=279> ” in una campo di 200 pertiche quadrate, Lodi. (una pertica quadrata equivale a0,69 mq).
Produce la “Torre Vegetale <http://www.giulianomauri.com/test/?p=522> ”, per l’esposizione Creatività e Creato in Arte Sella, Borgo Valsugana, val Sella. Partecipa alla XXXVII Triennale di Milano.
Costruisce “Culla per poeti”, per un ‘esposizione organizzata da Gianni Sassi a Teramo.
Continua lavorando alle “Isole Vaganti <http://www.giulianomauri.com/test/?p=437> ” sul fiume Adda, Lodi.
1993
Partecipa al Simposio Arte in Natura, Hannover.
E’ invitato a partecipare nel padiglione Italia alla Biennale di Architettura, all’Ateneo Chicago, Museo di Architettura e Disegno, Chicago.
Costruisce l’”Arpa Eolica <http://www.giulianomauri.com/test/?p=373> ” per il progetto Tickon, nella località danese di Tranekaer.
A Cortbus, vicino a Dresden, costruisce una grande “Cattedrale Vegetale”.
Innalza le “Cupole Geovegetative” e le “Tane della memoria”, Kultur Konzepte Sprengel, Monaco.
Si inaugura l’esposizione intitolata Giuliano Mauri: Arte nella natura 1981-1993, commissionata da Vittorio Fagone e organizzata dall’Ufficio Cultura del Consorzio del Lodigiano.
1994
Partecipa alla XII Biennale d’arte di Penne, Pescara, con “Spore” al cui interno semina semi di gelsomino.
1995
Partecipa al Simposio Arte in Natura che ha luogo a Monaco.
E’ invitato agli atti in commemorazione della figura di Davide Lazzaretti, mistico toscano del secolo XIX e fondatore di una fortunata repubblica, basata sull’economia rurale nel Monte Labbro, che si celebrano ad Arcidosso. Innalza una costruzione elicoidale di legno di fronte al luogo di ritiro di Lazzaretti, “Eremo David Lazzaretti”, “Spirale Vegetale”, sul monte Amiata, Parco Faunistico dell’Amiata, Arcidosso.
Crea l’opera “Camera di Decompressione”, nel parco del MAP, Museo d’arte Paolo Pini, Affori, Milano.
Partecipa a Natura e Architettura, Mole Antonelliana, Torino.
Costruisce “Cornucopia <http://www.giulianomauri.com/test/?p=451> ”, sul delta del fiume Roia, Ventimiglia, in Liguria, vicino alla frontiera francese.
Progetta la “Spirale agricola” a Schlossplatz, nel centro della città tedesca di Stuttgart.
Progetto di “Ipotesi di un nuovo ponte a Sarajevo”, mai realizzato, Amnistia Internazionale.
Partecipa al Simposio Arte in Natura, “Scavare il futuro”, celebrato a Cagliari.
1996
Disegna “Tempio Vegetale”, per la Biennale d’Arte e Natura di Bernford, Vienna. La fondazione Pollock-Krasner di New York contribuisce economicamente al progetto intitolato “Ciclico Gerundo <http://www.giulianomauri.com/test/?p=563> ”, che si sviluppa in un bosco della località Tre Cascine, vicino a Lodi. Espone all’interno della Fondazione Mudima l’”Osservatorio per talpe”, Milano. Nel parco di Quarto Oggiaro installa “Piatto solare”, Fondazione Mudima, Milano.
1997
La galleria di Arte moderna organizza l’esposizione di progetti, foto, disegni in cui viene dato un riconoscimento al lavoro di Giuliano Mauri nella natura, Bergamo. Realizza l’opera “Casa della memoria <http://www.giulianomauri.com/test/?p=401> ” per Laumeier Sculpture Park & Museum, dove lavora come artista con residenza in St. Louis. Intitola così pure la sua esposizione sui disegni e modellini di questo pezzo e di altri progetti di scultura in esterni che ebbe luogo nella galleria principale del Laumeier Sculpture Park & Museum tra il 6 settembre e il 5 ottobre del 1997.
1998
Gilles A.Tiberghien presenta la conferenza “La Cabane”, su Giuliano Mauri, al centro Georges Pompidou, Parigi.
Partecipa alla Triennale Europea Arte Natura di Odsherred, Danimarca, con la costruzione di un “Osservatorio”. Espone i modellini ed i disegni preparatori al Kuntsmuseum di Odsherred.
Disegna una grande cupola <http://www.giulianomauri.com/test/?p=573>  di piante per Freising, a Monaco, mai realizzata.
Il canale televisivo gestito dalla Fondazione Rockefeller trasmette uno speciale sull’arte nella natura in cui vengono mostrati molti pezzi di Giuliano Mauri.
1999
Disegna “Progetti per un ponte”, Parkhaus am Bahnhof, Gorlitz.
Nell’ambito del progetto Stour Valley Arts Project, costruisce “Grandi cesti per ceppi di castagno <http://www.giulianomauri.com/test/?p=582> ”, a King’s Wood, Challock, Kent.
2001
Invitato da Thomas Sprengel, realizza un progetto di grandi dimensioni sul fiume Neysa che costituisce la frontiera tra Germania e Polonia, consistente in due “Osservatori Estimativi <http://www.giulianomauri.com/test/?p=127> ”, localizzati nelle città di Gorlitz e Zgorzelec, di entrambi i paesi.
Durante l’edizione di Arte Sella 2001, nell’ambito dell’Incontro Internazionale Arte Natura, erige la “Cattedrale Vegetale <http://www.giulianomauri.com/test/?p=181> ”, Malga Costa, Borgo Valsugana, Val Sella. Il progetto viene realizzato in 2 mesi, con una dimensione della Cattedrale Gotica di 3 navate. L’opera attira in un anno più di 100.000 visitatori.
E’ l’autore della scenografia della Norma <http://www.giulianomauri.com/test/?p=361> , su incarico di Daniele Abbado, rappresentato a Sferisterio, Macerata.
2002
Il 13 Luglio viene inaugurata l’attività della Phoenix Etrusca con l’esposizione “Stromatoliti di Giuliano Mauri”, un progetto che nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Mudima e Castra Virtuale, con l’obiettivo di promuovere l’arte attuale nel territorio italiano, Galleria Phoenix Etrusca, Capalbio.
In autunno partecipa all’esposizione “La visione dell’invisibile”, promossa dalla Triennale di Milano e commissionata da Gianni Canova per commemorare il XXX anniversario della pubblicazione delle “Città Invisibili” di Italo Calvino, edificando “Zenobia <http://www.giulianomauri.com/test/?p=119> ” di fronte all’entrata dell’edificio della Triennale.
Partecipa all’esposizione “Utopie quotidiane” commissionata da Vittorio Fagone con il pezzo “Anfora <http://www.giulianomauri.com/test/?p=390> ” che posiziona nei giardini della Villa reale, PAC – Padiglione di Arte Contemporanea, Milano.
2003
In Ottobre inaugura la scultura vegetale “Reattore del Canto <http://www.giulianomauri.com/test/?p=383> ”, nel parco comunale del Serraglio, a Carvico, Bergamo.
Disegna una “Spirale Agricola” per la fiera Buga di Monaco, dedicata alla natura.
Prende parte alla celebrazione del centenario della fondazione dell’organo ufficiale dei Verdi in Germania ed erige la “Cattedrale Arborea” a Lubeck.
2004
Gli viene concesso il Premio Nazionale di Arti Visuali della città di Gallarate per la sua opera “Passerella di gelsomini sul fiume perduto <http://www.giulianomauri.com/test/?p=412> ” nel centro della città, nella sua XXI-XXII edizione.
Viene aperta al pubblico l’esposizione individuale Giuliano Mauri: Paesaggi dell’Immaginario, commissionata da Antonio Piva e Elena Cao, al Politecnico di Milano. In seguito viene trasferita alla Villa Borromeo Litta, Lainate.
L’8 Agosto si inaugura la mostra Giuliano Mauri : Art in tiere, organizzata dall’associazione culturale Colonos, in Villacaccia di Lestizza.
2005
Tra il 28 aprile e il 9 ottobre si celebra la Mostra nazionale di Architettura del Paesaggio, compresa nelle attività del Buga 05, Monaco, nella quale interviene con l’opera “Spirale per coltivare il cielo”, costruzione avente una base di 25 mt, 30 di altezza e 350 di percorso in salita.
In giugno viene inaugurata la sua prima esposizione individuale in Spagna, nella fondazione Cesar Manrique, Lanzarote, nel progetto Arte-Natura dell’Istituzione culturale delle Canarie.
“Zattere migranti <http://www.giulianomauri.com/test/?p=437> “ Gallomatese (CE)
“Cellule abitative” scuole statali Stoccarda (D)
2006
“Voliere per umani <http://www.giulianomauri.com/test/?p=312> ” Parco Monza
Laboratorio arti di Piacenza mostra personale
Premio Michetti Francavilla Mare
2007
Anfiteatro alle foci del Bisenzio
Cantagallo (Po’)
Artemisia 2007 “Opera Bosco”
Museo laboratorio di arte contemporanea nella natura Calcata (VT)
Borengo studio – Venezia
Azienda vitivinicola Torre Fornello – Ziano piacentino (PC)
2008
Como, l’arte del tessere, sedi varie nella città
“Ponte Padernello <http://www.giulianomauri.com/test/?p=294> ” Castello di Padernello
2009
Giuliano Mauri muore nel 2009 all’età di 71 anni.

Giuliano Mauri

GIULIANO MAURI – Cattedrale Vegetale
Progetto a cura
di Francesca Regorda

Durata dei lavori: maggio – settembre 2016
Per informazioni: Francesca Regorda - Tel.  338 6428497 - regordafrancesca@gmail.com www.giulianomauri.com
Comunicazione: Alessandra Pozzi - Tel. 338 5965789 - press@alessandrapozzi.com

Le fasi di realizzazione dello opera si possono seguire sulla pagina: Facebook/giulianomauricattedralelodi - #giulianomauri - #giulianomauricattedralelodi
Oppure vistando personalmente l’area dove sorgerà (raggiungibile a piedi dalla stazione di Lodi in 15 minuti circa)

Riva sinistra del fiume Adda
area “Ex Sicc”
Lodi


 

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 8 times, 1 visits today)
Condividi su:

I commenti sono chiusi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi