SiteLock

Omar Galliani. Rosso cadmio per Caravaggio, Gallerie d’Italia, Milano, fino al 18/03/2018


Il disegno, una traccia che viene da molto lontano, una sapienza antica. Tutto questo vibra nella poesia del racconto che Omar Galliani  graffia sulla carta, impasta nel colore antico... Le origini su cui si fonda la rinascenza italica che mai perde la sua contemporaneità.
Una mostra da vedere e rivedere e... anche per imparare.
La sua strabiliante capacità si vede anche dai risultati dei suoi allievi che vi invitiamo a seguire con attenzione. 


In occasione della mostra “L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri” allestita alle Gallerie d’Italia - Piazza Scala, sede museale di Intesa Sanpaolo a Milano, Omar Galliani, tra le più originali voci del panorama artistico contemporaneo, propone un focus monografico intorno al maestro del Barocco, che ha contraddistinto la sua attività fin dagli esordi.
L’intervento è centrato sul Martirio di sant’Orsola di Caravaggiocapolavoro della collezione Intesa Sanpaolo, e propone una riflessione di Galliani sul Merisi, al cui apice si pone l’opera site specific dal titolo Rosso Cadmio per Caravaggio. Il progetto espositivo presenta complessivamente 10 opere di Galliani in una sala a lui interamente dedicata all’interno della sezione del ’900 delle Gallerie.
L’esposizione è costruita sull’assonanza che Galliani ha cercato con la pittura di Caravaggio, sul primato della pittura come illusionismo, in cui artista e fruitore entrano entrambi in gioco, in quella zona ancora aperta alla pittura dove operare con i possibili linguaggi semantici e tecnici, e dove prima di tutto centrale è il problema dello spazio, della luce e della figura. E da questo punto di vista l'opera di un maestro come Caravaggio, tanto moderno da essere stato riscoperto criticamente nel '900 inoltrato (Roberto Longhi, “Fortuna storica del Caravaggio”), è un ineliminabile punto di partenza, se non un traguardo, per l’artista contemporaneo.
La formula esemplare in cui l’artista emiliano coniuga la propria raffinata e originale interpretazione con capolavori della storia dell’arte, è uno dei marchi di fabbrica di Galliani, esponente di un nuovo figurativo che non ripudia la classicità, anzi la reinventa con una inedita sensibilità contemporanea. Risale al 1977 uno dei suoi primi “d’après” documentati, l’opera Apparizione, ripresa da San Matteo e l’angelo di Caravaggio, in cui l’operazione concettuale qui sottesa viene definita dal critico Giovanni Accamerappresentazione di una rappresentazione”, indicando come nell’utilizzo del medesimo linguaggio formale dell’arte, Galliani porti fuori il suo punto di osservazione, dando luogo a un intervento totalmente nuovo. “Non c’è arte che non abbia intorno, sempre, tutta l’arte”: questa è la rivoluzione di Galliani, che partecipa al tempo stesso del contesto analitico concettuale di quegli anni, ma non ripudia i traguardi formali della storia passata. In seguito, Flavio Caroli lo chiamerà per la mostra di Ferrara del 1980 dedicata al “Magico primario”, termine coniato per definire l’operato di alcuni artisti, tra cui Galliani, che utilizzano un linguaggio figurativo con l’obiettivo di superare i concetti della più recente avanguardia, rifondando l’arte su valori concreti di “bellezza” e “seduzione” (Flavio Caroli ) in opposizione alle astinenze del concettuale.

Disegno e trattamento del nero, tecniche predominanti nella pittura di Caravaggio che recenti studi hanno messo in luce, fanno parte delle ricerche di Galliani e vengono utilizzati per la nuova tavola ispirata al Martirio di sant’Orsola. Di dimensioni molto maggiori rispetto all’originale (che misura 143 x 180 cm.), l’opera di Galliani è un trittico a grafite su tavola di pioppo, dove l’artista dà forma alla materia pittorica attraverso la fitta sovrapposizione di linee, che di volta in volta definiscono contorni o creano ombre, lasciando la tavola intatta nel punto in cui la figura riceverà più luce, ma immergendola in un nero dalla profondità prospettica contrastata. La tavola è presentata all’interno di un ciclo dal titolo Rosso cadmio per Caravaggio realizzato appositamente per Gallerie d’Italia, dove una scansione modulare tra colore e immagine con tavole e tele quadrate, dà origine a una strutturazione ritmica di figurativo e astratto, in una campitura monumentale di grande coinvolgimento per il visitatore. Completa il percorso una selezione di opere “antefatti”, tra cui dittici e trittici di grandi dimensioni, con approfondimenti didattici e didascalici relativi alla tecnica utilizzata dall’artista emiliano.
La mostra propone infine una serie di laboratori didattici realizzati in collaborazione con la Fondazione Maimeri, in cui l’artista incontrerà il pubblico per raccontare i contenuti e le tecniche del suo lavoro intorno a Caravaggio, e coinvolgerà studenti delle Accademie o di altre scuole per vere e proprie sessioni sul disegno.
Catalogo con le immagini delle opere in mostra e contributi di Omar Galliani e Raffaella Resch.

Omar Galliani. Intorno a Caravaggio
A cura di: Raffaella Resch
Forma Edizioni
Formato
: 17x24 cm

Pagine: 62
Anno di pubblicazione: 2017
Collana: Cataloghi di mostre
Lingue: Italiano
Stampa: colori
Legatura: brossura con bandelle
Prezzo: € 18,00
Isbn: 978-88-99534-57-8


Omar Galliani
nasce a Montecchio Emilia nel 1954 e si diploma all’Accademia di Belle Arti di Bologna, dove vive e lavora.
Ha partecipato a tre edizioni della Biennale di Venezia, nel 1982, 1984 e 1986, e da quel momento ha esposto in tutto il mondo nelle principali manifestazioni e musei. Negli anni Settanta condivide le tendenze del gruppo degli Anacronisti: in contrapposizione all’arte concettuale e alle contemporanee tecniche multimediali, recupera l’elemento pittorico come linguaggio espressivo, proponendo soggetti e iconografie classiche.
La rilettura in chiave moderna di tradizioni consolidate esprime la sua volontà di individuare una continuità poetica e temporale tra il passato e il presente.


Omar Galliani born in 1954 in Montecchio.
Studied at the Academy of Fine Arts of Bologna and teaches painting at the Academy of Fine Arts of Carrara (Italy). He participated to three editions of the Venice Biennale (in1982/84/86). In 1982 he was invited to take part to the São Paulo Biennal, to the 12th Biennal of Paris and the Biennal of Tokyo.He exhibited at the Modern Art Museums of Tokyo, Kyoto, Nagasaky and Hiroshima, at the Hayward Gallery in London and in two editions of the Quadrennial of Rome, at the Gallery of Modern Art in Bologna, the National Gallery of Modern Art in Rome and at the Frankfurter Kunstverein in Frankfurt, Berlin. In the nineties he was invited by the Italian Parliament to exhibit his works at the Scottsdale Centre for the Arts in Arizona, at the Marian Locks Gallery in Philadelphia (U.S.A.) and he presented his Feminine Countenance at the New York University. In 2000 the exhibition Aurea was held at the Museum of the Central Academy of Fine Arts in Beijing. He also exhibited at Palazzo delle Stelline in Milan, at the Galleria Civica of Modena, at the Museum of Modern Art of Budapest, at Palacio Foz in Lisbon, at PAC in Milan. In 2003 the artist was invited to participate to the Biennal of Prague and to the first Beijing Biennal, where he was awarded the first prize.
In 2005, at the State Archives of Turin, Galliani held the exhibition Grande Disegno Italiano. In the same year, the solo exhibition Nuove Anatomie was organised at Palazzo Magnani in Reggio Emilia. Also in 2005 the Museum of Contemporary Art of Guadalajara hosted his solo exhibition Nuovi Fiori Nuovi Santi.  Furthermore, Spazio Mazzotta in Milan exhibited his La Figlia era Nuda.
At the beginning of 2006 and through all 2007, his solo exhibition Disegno Italiano was hosted by the most important Museums of Contemporary Art in China in Beijing, Shanghai, Chengdu, Jinan, Xian, Wuhan, Hangzhou, Ningbo, Nanchino, Dalian, Tientsin and at the Schoeni Gallery in Hong Kong.Also in 2006 the University and Museum of Caracas hosted his solo exhibition Disegnarsi, which was moved in April 2007 to the Museum Hassan of Rabat. His Grande Disegno Italiano was presented to the Permanente in Milan during the exhibition La Bellezza and subsequently at the Palazzo della Regione in Verona, during the exhibition Il Settimo Splendore.
In 2007, during the 52nd Venice Biennale, the prestigious Querini Stampaglia Foundation hosted the exhibition Tra Oriente e Occidente, Omar Galliani e il Grande Disegno Italiano in Cina. The event was joint by the Chinese Artists Association and the Museums of Omar Gallianis China Tour in Ningbo, Dalian, Xian, Hangzou, Jinan, Chengdu and Wuhan gave their collaboration to the exhibition. In 2008 the Uffizis Cabinet of Drawings and Prints exhibited and bought Notturno. In 2009 the K35 Gallery in Moscow opened his solo exhibition and the Michetti Foundation in Francavilla al Mare dedicated to him a retrospective exhibition. Also in 2009 the Shangeie Gallery in Shanghai inaugurated Lontano da Xian.
In the same year, the Italian Institute of Culture in Vienna hosted his Nel Segno del Correggio. At Villa Bottini, in Lucca and at the Archaeological Museum in Palazzo Guigini, Omar Galliani presented  Dalle stanze dei miei Disegni and  in Venice  he presented Détournement at the Antico Ospizio di San Lorenzo(collateral event of the 53rd Biennale of Venice) andSanta Apollonia, Omar Galliani e qualche dente di Andy Warhol at the Museo Diocesano.
In 2010, the Italian Institute of Culture in Bogotá exhibited 21 Debuois Para una Noche en Bogotá and in the same year, the Museum Borges in Buenos Aires hosted the exhibition Nocturno, which was also moved to the Museum of Contemporary Art in San Juan and in Rosario. The India Theatre in Rome presented Il Disegno in Scena and in Lucca the L.u.c.c.a. Museum exhibited his site-specific work Le Pareti Di-Segno. In 2011 Omar Galliani opened the exhibitions Diario Cinese both at the Cultural Centre of the Latin Quarter in Tianjin and at the Institute of Culture in Beijing. He also inaugurated theCrosscuennts, Italia-Nigeria at the Museum of Modern Art in Lagos. The Museum Diocesano in Padua (Italy) exhibited hisDal Codice degli Angeli.


International Exhibitions
Biennale di Venezia, di San Paolo del Brasile, Parigi, Tokyo, Praga, Pechino
Quadriennale di Roma
Musei d’Arte Moderna di Tokyo, Kyoto, Nagasaki, Hiroshima
GAM di Bologna, Roma
Francoforte e Berlino
Galleria Civica di Modena
Palazzo delle Stelline e PAC di Milano
Hayward Gallery di Londra
Scottsdale Center for the Arts dell’Arizona
Marian Locks di Philadelphia
Arnold Herstand Gallery di New York,
Museo d’Arte Moderna di Budapest
Palacio Foz di Lisbona
“Feminine Countenances” alla New York University
“Aurea” al Museum of the Central Academy of Fine Arts di Pechino
“Nuovi Fiori Nuovi Santi” al Museo d’Arte Contemporanea di Guadalajara
Dal 2006 “Disegno Italiano” sta girando tra i principali Musei d’Arte Moderna e Contempoanea cinesi
“Disegnarsi” all’Università e al Museo di Caracas e al museo Hassan di Rabat
“Nel segno del Correggio” all’Istituto Italiano di Cultura di Vienna
“D’après Canova. Omar Galliani, opere 1977-1980” a Palazzo Binelli a Carrara
“OMAR, ROMA, AMOR” al Museo Bilotti di Roma

Omar Galliani, © Gianni Marussi, Artdirectory Marussi, artdirectory-marussi.it

Omar Galliani. Intorno a Caravaggio
Dal 19 dicembre 2017 al 18 marzo 2018
Orari: Martedì - domenica 9.30-19.30 (ultimo ingresso ore 18.30); Giovedì 9.30-22.30 (ultimo ingresso ore 21.30); Lunedì chiuso
Tariffe: Biglietto:intero: 10€,ridotto: 8€,ridotto speciale: 5€; Gratuito per le scuole, minori di 18 anni e la prima domenica del mese
Informazioni e prenotazioni: Numero verde 800.167619; info@gallerieditalia.com; www.gallerieditalia.com
Ufficio Stampa: Intesa Sanpaolo Ufficio Media Attività Istituzionali, Sociali e Culturali: Silvana Scannicchio - Tel. 335.7282324 - silvana.scannicchio@intesasanpaolo.com

Gallerie d’Italia
Piazza della Scala 6
Milano

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 130 times, 3 visits today)
Condividi su:

I commenti sono chiusi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi